Turismo: oggi apre a Milano la Bit

2017-02-24T12:36:36+00:00 giovedì, 16 febbraio 2012|

32/a edizione della Borsa Internazionale del Turismo

Ha aperto oggi la 32/a edizione della Borsa Internazionale del Turismo. Per l’inaugurazione previsti il ministro del Turismo, Piero Gnudi, il presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, e il sindaco di Milano Giuliano Pisapia.

Venerdi 17 febbraio dalle ore 10 alle ore 12.00, presso la Sala Aquarius del Centro Congressi Stella Polare, si terrà una tavola rotonda ispirata al tema della Giornata Mondiale del Turismo: Turismo e valorizzazione delle culture. E’ proprio in questa direzione si pone il convegno al quale parteciperà il Vice Presidente Nazionale Vicario del CTA Matteo Altavilla, in programma alla Bit 2012. Il tema sarà qui declinato, in particolare, con riferimento alla singolare esperienza di accoglienza di tipo alberghiero praticata in solidale armonia con diverse culture.

Giovani e anziani delle Acli con il CTA

2017-02-08T15:01:04+00:00 giovedì, 2 febbraio 2012|

Bene il Governo Monti che si dimostra attento alle necessità delle giovani generazioni sempre piú costrette a fare i conti con i (pochi) soldi in tasca a loro disposizione per via della crisi economica e finanziaria che attanaglia l’Occidente. L’articolo 62, del d.l  sulle semplificazioni, introduce agevolazioni sui costi per turismo a favore dei giovani, degli anziani e dei diversamente abili. Viaggiare vuol dire conoscere, crescere, confrontarsi con realtà e culture differenti, aprire orizzonti mentali per vedere il mondo e le relazioni con occhi nuovi. Il viaggio, oltre ad essere metafora stessa della vita, ha un altissimo valore educativo e formativo. Per questo motivo un viaggio “low cost” non deve voler dire un semplice girovagare, né tantomeno una rinuncia alla qualità, alla sicurezza e alla sostenibilità.  “In questo momento di crisi questo articolo del d.l. sulle semplificazioni rappresenta una grande opportunità per le giovani generazioni, per gli anziani e per i diversamente abili – dichiara Pasquale Orlando – Segretario Nazionale FAP ACLI,  una possibilità di rilancio per il settore turistico in crisi che però non deve fare i conti solo con la logica del profitto. L’esperienze associative di promozione del turismo sociale possono, in questo senso, fare da guida per le scelte operative conseguenti al decreto”. In questo senso giovani (GA) e anziani ( FAP ) delle Acli d’intesa con il CTA (Centro Turistico Acli) promuovono una concreta attivita’ di sostegno al diritto ormai esigibile alla vacanza. “I giovani non necessitano di collezionare cartoline, souvenir, e Lonely Planet, ma di esperienze di senso, trasformative. Per questo auspico che la parola “accessibilità” si coniughi sempre più con la parola sostenibilità”. A dichiararlo é Giuseppe Failla, Segretario Nazionale dei Giovani delle Acli che poche settimane orsono, hanno presentato una ricerca sulle abitudini di viaggio dei giovani italiani promossa in collaborazione con il CTA (Centro Turistico Acli). Avere la possibilità di viaggiare a basso costo non può significare scegliere bassa qualità, -afferma Pino Vitale – Presidente Nazionale CTA, insufficienza sicurezza o, peggio ancora, viaggiare a discapito dell’ambiente, della dignità del lavoro o della povertà di tanti luoghi del nostro meraviglioso pianeta.”Non bisogna neanche pensare che i giovani debbano accontentarsi o accomodarsi alla meglio con la solita presunzione di chi vede nei giovani solo persone in via di definizione, addomesticabili con gli zuccherini. Le giovani generazioni, continua Failla anche in un periodo di ristrettezze economiche, nello scegliere i viaggi, molto spesso, sono esigenti e attente. Gli itinerari, infatti, con maggiore frequenza sono conseguenze di scelte ideali importanti e per questo attente e mai sprovvedute”.

 

XXIV Congresso Nazionale Acli

2017-02-24T12:34:44+00:00 giovedì, 2 febbraio 2012|

Rigenerare comunità per ricostruire il paese.

ACLI: artefici di democrazia partecipativa e buona economia.

24congrAcli.Rignerare

Convocato ogni quattro anni, il Congresso nazionale delle Acli rappresenta il momento centrale nella vita democratica di una delle più grandi organizzazioni del sociale in Italia, con quasi un milione di iscritti, 8.000 strutture territoriali, una presenza radicata anche fuori dai confini nazionali.

L’assemblea congressuale, composta da 670 delegati, rinnova gli organi dell’associazione ed elegge direttamente il presidente nazionale. Ha il compito di verificare l’attività svolta e indica gli obiettivi strategici per il mandato successivo.

Nel frattempo, da qui a maggio, si svolgeranno oltre 3.000 assemblee di circolo, più di 100 congressi provinciali e 21 congressi regionali.

Contributo CTA al XXIV Congresso delle Acli: “RIGENERARE COMUNITÀ PER RICOSTRUIRE IL PAESE. Acli, artefici di democrazia partecipativa e di buona economia.”

Crediamo decisamente che il XXIV congresso delle Acli sia l’occasione per rilanciare il nostro impegno con passione nonché con concretezza di opere e lungimiranza di visione.

Il CTA partecipa con impegno e con passione ai lavori congressuali delle Acli insieme ai propri delegati e con dedizione associativa per la vita democratica, per condividere i tanti e forti temi posti da questo XXIV Congresso al fine di contribuire a “rigenerare la comunità e per ricostruire il paese”.

La nostra esperienza associativa e di sistema, che ci permette di “fare CTA ed essere Acli”,(già titolo di una partecipata Conferenza Organizzativa) unitamente alla nostra specificità di viaggiatori, di testimoni ” del e nel mondo” , per un turismo sociale, che si pone come strumento (educativo) di conoscenza per un nuovo umanesimo,(già titolo del nostro ultimo Congresso), ci spinge a contribuire attivamente al dibattito congressuale delle Acli con due elementi.

Il primo  è uno strumento di senso: conveniamo cioè che le Acli abbiano il compito di incarnare e testimoniare con opere quanto si afferma con le parole e il CTA, attraverso la propria vocazione, intende “educare allo spirito della fraternità”. Con lo strumento straordinario del  viaggio, dell’esperienza di luoghi, della storia, delle culture e delle relazioni, possiamo contribuire fattivamente all’azione educativa e, da aclisti, educare alla vita buona del Vangelo”. Ma, ancora di più è  sulla “fraternità” che vogliamo porre l’accento: per noi “fraternità” è la chiave di lettura, il codice valoriale con il quale leggere, interpretare, vivere la nostra esperienza associativa di cittadini attivi, di pellegrini nel mondo, di cristiani.

Dalla rivoluzione francese ad oggi, possiamo affermare che solo libertà ed uguaglianza sono stati valori pienamente usati ed abusati, ispiratori di rivoluzioni e battaglie, di ipocrisie, di società civili e utopie.

E la fraternità? , Possiamo “rigenerare comunità per ricostruire il paese” a partire dalla fraternità?

Noi Crediamo di si, Crediamo che libertà ed uguaglianza, come equità e legalità  vadano letti con occhi di giustizia proprio alla luce della fraternità, come valore “polare” di cittadini del mondo di una società globale interdipendente.

Il secondo elemento, è un elemento di appartenenza: grazie a un lungo e intenso cammino insieme alle Acli, abbiamo condiviso un percorso che ha portato il CTA ad essere un’ associazione matura, pronta ad offrire il proprio contributo per discernere pensieri e azioni delle Acli ed affrontare le mille sfide che questi tempi richiedono.

In occasione di questo XXIV Congresso delle Acli affermeremo ancor più questa profonda disponibilità del CTA, promuovendo, anche d’intesa con le altre associazioni specifiche, una mozione statutaria per consentire la partecipazione dei dirigenti CTA alla vita democratica e organizzativa delle Acli, anche con diritto di voto nelle presidenze territoriali delle Acli ai vari livelli. Tutto ciò vuole essere un segno concreto di “responsabilità” associativa;  il passaggio, e non il traguardo, di un percorso di condivisione e corresponsabilità di sistema, di partecipazione attiva anche nello sforzo di un auto-riforma e di impegno sociale e associativo .