Coronavirus: Decreto Legge n. 9 del 02 marzo 2020

Coronavirus: Decreto Legge n. 9 del 02 marzo 2020

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Conte e del Ministro dell’Economia e delle Finanze Gualtieri, ha approvato, il 28 febbraio scorso, il Decreto Legge n. 9, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 153 del 02/02/2020, relativo alle “Misure urgenti di sostegno per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19”.

Le disposizioni introdotte mirano ad assicurare un primo supporto economico a coloro che affrontano problemi economici a causa dell’emergenza sanitaria internazionale dichiarata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità ed agli episodi di diffusione del virus verificatisi nel nostro Paese. A tal proposito, il Ministro per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, Dario Franceschini, ha dichiarato che “per il turismo sono previste tre fasi diverse. La prima, quella più immediata, è la dilazione di pagamenti. La seconda riguarda le misure strutturali d’intervento, mentre la terza sarà il rilancio dell’immagine del Paese per uscire dall’emergenza”.

Le principali disposizioni turistiche introdotte dal Decreto sono:

  • SOSPENSIONE VERSAMENTI TRIBUTARI E CONTRIBUTIVI FINO AL 30 APRILE
    Sospensione fino al 30 aprile 2020 dei versamenti dei contributi previdenziali e delle ritenute fiscali per agenzie di viaggio e turismo, tour operator e tutte le imprese turistico ricettive in tutta Italia (Codici Ateco 55 e 79).
  • RIMBORSO PER VIAGGI E PACCHETTI TURISTICI ANCHE CON VOUCHER
    Rimborso anche attraverso voucher per chi non ha potuto viaggiare o usufruire di pacchetti turistici a seguito delle conseguenze dovute all’emergenza covid-19 (vale per pacchetti turistici e viaggi da e per zona rossa; per andare a eventi annullati o sospesi da ordinanze e decreti; per viaggi all’estero bloccati per covid-19; per le gite scolastiche).

Per scaricare il testo integrale del Decreto Legge n. 9 del 02/02/2020, consultare la pagina Scopri di più

Tutte le sedi territoriali, che volessero chiarimenti sulle fattispecie delle eventuali problematiche, sorte a causa dell’emergenza in corso, possono contattare la nostra sede attraverso la casella di posta dedicata: ctaemergenzaturismo@gmail.com