CTA Padova: 25 anni di Rosa Blu

CTA Padova: 25 anni di Rosa Blu

Eravamo giovani ed intraprendenti ventenni negli anni ’90, ma con idee chiare e forti ideali che ci hanno spinto, anche con un po’ di follia, a iniziare l’organizzazione complessa di soggiorni e vacanze con assistenza per persone disabili e gestire le prime strutture turistiche a finalità sociali”. A raccontarlo è Matteo Altavilla, Presidente della Cooperativa “La Rosa Blu”, struttura del Centro Turistico Acli di Padova.

Dagli anni ’90 la Rosa Blu del Centro Turistico delle Acli organizza soggiorni per persone con disabilità e anziani a Soraga di Fassa e a Pinarella di Cervia. Dal 2004 anche i viaggi della memoria per gli studenti.

Da 25 anni, centinaia di persone con disabilità ed anziani si avvalgono della cooperativa per i soggiorni estivi ed invernali, grazie anche a tanti collaboratori che, negli anni, hanno fatto dell’esperienza sociale un impegno di passione durante questi soggiorni.

Oggi, le inizaitive sono organizzate, in montagna, presso l’Hotel Villa Ombretta di Soraga di Fassa (TN) e, al mare, presso Pinarella di Cervia (Ravenna).

Anche le strutture turistiche, gestite direttamente dalla Cooperativa per l’ospitalità di famiglie, gruppi e per i soggiorni assistiti, hanno un loro senso ed una loro vocazione.

L’Hotel Villa Ombretta è stato costruito, negli anni ’60, dalla Cooperazione Femminile Trentina ed avviato con il volontariato delle donne del dopolavoro, che vedono, ne La Rosa Blu, la continuazione della propria opera. La struttura turistica di Pinarella di Cervia, invece, è di proprietà del Comune di Modena, che si avvale de La Rosa Blu per l’organizzazione dei soggiorni tutelati per anziani e disabili modenesi.

La Cooperativa progetta ed organizza dal 2004, con il Comune di Padova, la Comunità Ebraica Padovana e la Fondazione Giorgio Perlasca, anche i “Viaggi della Memoria” per le scuole della città.

Si tratta di un’occasione straordinaria di formazione, conoscenza ed approfondimento dei temi della Shoah, sempre così attuali in una società con pochi riferimenti valoriali e pericolosamente dalla memoria corta. Grazie a questi viaggi formativi ed alla partecipazione dei giovani, è possibile (ri)costruire una cultura della conoscenza, che favorisca la pace.

Il lavoro quotidiano, ed in continua progettazione, ha visto chiudersi il 2019 con un riconoscimento importante: nel corso del Congresso Nazionale del Centro Turistico Acli, svoltosi a Pompei lo scorso 08 novembre, Matteo Altavilla è stato eletto, all’unanimità, Presidente Nazionale del CTA. Il riconoscimento premia la peculiare storia padovana di impegno sociale ed avvia, al contempo, a nuove strade.

Verso un turismo sostenibile come impegno per gli obiettivi di sostenibilità dell’Agenda 2030 dell’ONU nella logica di un’ecologia integrale.

Il turismo, per le Acli, è un importante veicolo di promozione del diritto al tempo libero ed alle farie dei lavoratori, dei pensionati e delle famiglie, uno strumento educativo, dal profondo significato antropologico, che favorisce la conoscenza della storia, della natura, dell’arte, delle tradizioni ed una cultura dell’incontro, che promuove, in ultima analisi, la costruzione della solidarietà e della pace.

Copyright Difesa del Popolo (Tutti i diritti riservati)