CTA Salerno: Tre Giorni di Festa della Musica

CTA Salerno: Tre Giorni di Festa della Musica

E’ il Platone de “La Repubblica”, che offriamo a quanti parteciperanno alla tre giorni nel segno della musica che animerà dal 21 al 23 giugno a Cava de’ Tirreni.

Ieri mattina, presso il Comune di Cava de’ Tirreni, è stato presentato l’eterogeneo programma che vedrà, come maestri e protagonisti, gli allievi del Liceo Musicale “A. Galdi”.  Inoltre, sono stati presentati, questa mattina, a Palazzo di Città, gli eventi della Festa della Musica.

Chi possiede una sufficiente educazione musicale può accorgersi con grande acutezza di ciò che è brutto o imperfetto nelle opere d’arte o in natura, mentre sa approvare e accogliere con gioia nel suo animo ciò che è bello, e nutrirsene e diventare un uomo onesto.

L’ iniziativa è stata organizzata dall’ Amministrazione Servalli, in collaborazione con il Centro Turistico Acli di Salerno, l’Associazione Culturale Musicale “Insieme per Caso”, l’Associazione Jacopo Napoli, l’Istituto De Filippis Galdi, gli Sbandieratori San Niccolò e l’Associazione Amici della Terza Età.

La Festa della Musica è una manifestazione popolare che si tiene il 21 giugno di ogni anno per celebrare il Solstizio d’Estate.

Ad illustrare gli eventi in programma, il Vice Sindaco Enrico Polichetti, Gerarda Carratù dell’ Associazione “Insieme per Caso” ed Antonia Willburger, del CTA di Salerno.

Si inizierà il 21 giugno, alle ore 18.00, nell’incantevole cornice del Salone del Monastero di San Giovanni ove si svolgerà il Convegno “Musica e….” un tema ad ampissimo raggio sul ruolo della musica nella vita quotidiana e i suoi effetti nel sociale. Dopo i saluti del Vice Sindaco Enrico Polichetti, verranno sviscerati diversi temi con Ersilia Frusciante, Consigliere Provincia Salerno, che discernerà sulla valorizzazione dei beni museali, Paola Landi, Consigliere del Comune metelliano, intorno a Musica e Salute, Piera Carlomagno, giornalista, scrittrice, Musica e noir, Maurizio Cogliani, Pianista e Docente IIS De Filippis-Galdi, Musica e Scuola; Felice Cavaliere, Direttore del Conservatorio Potenza, Musica senza Partitura; una composita tavola rotonda la cui moderatrice sarà il critico musicale Olga Chieffi.

Iniziata in Francia nel 1982, la Festa della Musica, promossa dal Ministero della Cultura condotto da Jack Lang, invitava tutti i musicisti, professionisti ed amatori, a suonare il 21 giugno per le strade delle città.

Venerdì 22 giugno,appuntamento, alle ore 20.00, nel Giardino del Monastero San Giovanni, con l’orchestra dell’Istituto De Filippis-Galdi, che nell’ ambito dell’ alternanza scuola lavoro, terrà un concerto con i giovani studenti del corso di musica per archi e clarinetti, diretti dai maestri Ivan Iannone e Gioacchino Zito. Ragazzi che, sotto la guida di Antonia Willburger, esperta organizzatrice di eventi tra cui “I Concerti d’Estate di Villa Guariglia” hanno curato l’intera organizzazione dell’evento dalla gestione del palcoscenico alla comunicazione.

In Europa, dal 1995, hanno aderito, confederandosi in un’ Associazione Europea, le città di Atene, Barcellona, Berlino, Budapest, Bruxelles, Lisbona, Liverpool, Losanna, Madrid, Milano, Napoli, Parigi, Praga, Roma, Senigallia (AN) e Lanuvio (RM).

Gran finale sabato 23 giugno, con partenza alle ore 19.30, in Piazza Abbro, ove si esibiranno al suono delle chiarine e dei rullanti, gli Sbandieratori Borgo San Niccolò seguiti, alle 20.30, dall’ Associazione Amici della Terza Età e Antico Borgo, che si esibirà nei balli rinascimentali, per passare il testimone alle 21.30, alla Canzone d’Amore, un concerto a cura dell’ Accademia Jacopo Napoli, nel Giardino del Monastero San Giovanni.

In accordo con il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, in Italia, la Festa della Musica è coordinata dall’AIPFM, l’ Associazione Italiana per la Promozione della Festa della Musica.

Quest’ anno abbiamo voluto aderire alla Giornata Europea della Musica” afferma il Vice Sindaco Polichetti “e, per questa prima edizione, grazie alla grande disponibilità delle Associazioni, abbiamo creato un connubio tra cultura, musica, spettacolo. Si parlerà di musica degli effetti sul sociale, le contaminazioni in ogni settore della società, ne ascolteremo le note e le melodie nei concerti dei giovani studenti liceali,  dell’ Accademia Jacopo Napoli e ne ammireremo le movenze nei balli rinascimentali degli Amici della Terza Età e degli Sbandieratori San Nicolò”.

Positano News (Tutti i diritti riservati)